Eccoci tornati!

non che la cosa poi ci piaccia tanto, però sì, siamo tornati. Dove? Meglio sarebbe chiedere da dove…da un posto favoloso, da un posto che ti lascia letteralmente a bocca aperta…

stai attento che i gabbiani la fanno grossa

Ma che posto sarà mai? Gavassa? Taubenheim in Sassonia? La Casa nella Prateria (di cui abbiamo un contributo)

Che sia uno di quei posti tropicali con i ragni grandi come cammelli? No, niente di tutto questo, ma molto molto di più. Direi molto di piuissimo…

Già perchè è dalle Azzorre che siamo tornati. Lo sapevate già? Bene, meglio per voi. Ma dovete sapere che le Azzorre sono un gruppuscolo di isole dimenticate da Dio in mezzo all’Oceano Atlantico. Ve lo dico perchè nessuno in verità sa dove siano e tutti, quando gli dici “Azzorre”, fanno sì con il capo ma solo perchè non vogliono ammettere la loro fondamentale ignoranza. Tutti pensano siano a latitudine 44.9009951 e longitudine 10.5157818…e invece sono tipo qui…

Sono un posto che “che te lo dico a fà?” ti lasciano con lo stupore in faccia a tal punto che quando torni non sai nemmeno più come ti chiami e allora tutti ti chiamano Piero e tu fai sì con la testa e piangi sommessamente il tuo destino amaro e ti senti da buttare via perchè lo vorresti immensamente…cosa? Tornare indietro, ecchecca…

senta dottor Cox, posso tornare alle Azzorre in ferie per un altro pochino?”

“Ahhh, ma cosa devono sentire le mie orecchie stanche stanche da tutto il tuo vociare insopportabile. No pivello, scordatelo pivello, resti qui e soffri come tutti noi…e adesso zitto zitto vai a fare una vasectomia al signor Sciacqualani che ti attende con ansia alla tre, vai, su, fila…

Ecco, nessuna speranza in fondo. Solo un amaro ritorno alla vita di sempre, al solito tram tram che si chiama desiderio. E tu vorresti tanto tornare a fare il bagno con i delfini, a prenderti le pulci nel letto della Demoniaca Signora del Male di Horta, detta anche Maria Julio Iglesias Esperanza Vattelapesca, a perderti giù per i dirupi sul Lagoa do Fogo, a riempirti le scarpine di sabbia vulcanica sotto il sole cocente al Cappelletto (che non si mangia a meno di non voler perdere tutta l’arcata dentaria)…oppure a mangiare le peggiori patatine della storia®, a girare con il motorino che non vuole saperne di partire, ad aspettare Tua Moglie che faccia quella benedettissima foto perfetta nella controluce di vapori venefici al sapore di zolfo di solfatare che ribollono a pochi passi da te…lo vorresti fortissimamente. Ma non puoi. Rassegnati. Sei tornato. Siamo tornati.

Per cui…trema popolino, perchè da oggi in poi il Blog continua con (enunciamo per punti i prossimi apocalittici appuntamenti):

1) numerosissime foto meravigliose del nostro stupendissimo viaggio, il che significa per voi a) una noiosissima trafila di immagini che dovrete per forza sorbirvi e per noi b) il fatto di non dovervi chiamare a casa un gruppuscolo alla volta e tediarvi con le diapo fantasia…

2) numerosissime foto assolutamente selezionatissime dalla controparte del Dinamico Duo dell’Evento dell’Anno Domini 2012, ovvero il Matriagio, ovvero lo scapicollante momento emozione dell’anno (vostro e nostro, di tutti noi insomma)

3) una sequela interminabile di GRAZIE INFINITE A TUTTI VOI PER ESSERCI STATI, PERCHE’ SIETE STATI MERAVIGLIOSI IMMENSAMENTE BELLI…a parte Silvio che non si poteva guardare, ma va bene lo stesso…

4) un paio di post di scuse da parte del sottoscritto che “quel giorno, il giorno” ha un po’ perso la testa e tanti di voi (quasi tutti) non li ha nemmeno salutati…o quasi…anche se il sottoscritto lo comprenderete, in fondo era assai confuso (le catene, per quanto dolci, son sempre tali e un pochino stordiscono…)

5) verrete contattati uno ad uno per ridarci quello che è nostro, e cioè le immagini de noaltri anche perchè non abbiamo firmato alcuna liberatoria riguardante la concessione delle nostre immagini sopraffini quindi magari se ci gira vi citiamo in giudizio tutti quanti. Tiè!

6) in generale quindi il Blog continuerà ad andare avanti ancora per un po’, anche se non con quella precisione quasi giornaliera di prima…sicuramente ci saranno post sulla vita matrimoniale, sulla migliore combinazione dei mobili ikea per lo spazio cucina salotto tutto insieme appassionatamente, e qualche divagazione sul tema “ma quanto è bello sbucciarsi le ginocchia contro un affilato rasoio innamorato”…insomma, un blog ancora ricco ricco mi ci ficco…

Quindi, stay tuna!

Credo che a questo punto sia quasi tutto. Avrete presto nostre notizie…

Flettiamo i muscoli e prendiamo il colpo della strega…

Un abbraccio, popolino disgraziato…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...