Chi ti chiamo al matrimonio, parte 2 di (c’è già tanta roba)

Popolino odoroso, qua o si arriva al fine settimana o si muore! Sì perchè adesso lo si agogna, questo fine settimana, come l’olio d’oliva sul pane secco, come il cacio sui maccaronem’haiprovocatoemotidistruggo! Certo, perchè, a dirla tutta, questo simpatico Dinamico Duo ormai è allo stremo delle forze, è ridotto ad un mocio strizzato, gettato in autostrada e calpestato da una simpatica colonna di tir. La stanchezza è connaturata al matrimonio. Ora lo sappiamo. E’ per questa ragione che ci sposeremo una sola volta. Io personalmente non divorzierò mai da lei perchè col piffero che poi faccio di nuovo tutta la trafila…roba da matti. Arriveremo al fatidico giorno che alle otto e mezza di sera vi cacceremo a pedate per andarcene a dormire per, tipo, otto milioni di eoni.

Nel frattempo però, visto che di disegnare nuove strip non ci penso neppure per un istante uno, continua la nostra rubrica da voi tanto amata. Schiocchino le emorroidi allora, tuonino le flatulenze mimate di Macinaci, saltino in aria i carburatori delle auto di tutti gli invitati, ecco a voi la seconda parte de…Chi ti chiamo al Matrimonio, sottotitolo non ci sono cazzi non verrà nessuno di loro…e sotto il sottotitolo un altro che dice: la radicalità delle prossime immagine può avere un effetto collaterale simile a questo (parta il contributo dalla regia)

Bene, obliterate i biglietti, tiratevi ben su le mutande e tenetevi stretti i parrucchini, si parte…

Il primo contributo non può limitarsi ad una semplice immagine esplicativa…

Attila aka flagello di dio aka Diego Abatantuono. Questo qui lo voglio perchè deve stare al tavolo con Andrea, Silvio, Simone e compagnia bella. Perchè quest’uomo qui se gli girano le corna ci fa un karaoke da paura che Giordano scusa ma sei un pivello. Perché questo sfotte David Hasselhoff che Sberla risulta essere un bambino triste…Ruolo nella serata: mattatore che avanza tra il pubblico a colpi di daga, ma nessuno si lamenta per le amputazioni perchè fa morire tutti dal ridere. Con uno così ti serve forse altro? 

Sì, serve lui…

 Dottor Percival “Perry” Ulysses Cox. Apparso più volte in queste pagine digitali, qui e qui, egli è decisamente l’uomo che tutti noi vorremmo, per quell’incontenibile miscuglio atomico di ironia e cinismo, per quell’espressività che togliti dalle palle Actor Studio e soprattutto per la sua ineguagliabile capacità di farti sentire l’ultimo e più schifosamente inutile essere umano del pianeta. Un uomo che fammi il piacere prova a contraddirlo…dai…uno che ti svita anche l’omone Baracus e non vedi l’ora di vederlo in azione contro quel povero cristo con la mano infilata su per l’ano il pertugio di Alf. Ruolo nella serata: quando te lo ritrovi davanti sai, sai che sei ad una festa e la vita è rappresentata in tutto il suo sarcasmo da lui, quindi torna ad esser triste, e sistemati le trecce! Socialmente utile.

The Todd. Volendo Perry non possiamo non desiderare anche il famigerato Il Todd, l’unico uomo con l’articolo davanti. Forse molti di voi non lo conoscono, perciò è mio vivo consiglio darvi da fare subito sul tubo. Il Todd rappresenta tutto quello che un uomo semplicemente è, senza alcuna maschera o filtro. Lui, Il Todd, è quello che mi ha suggerito la battuta dell’ano di Alf poco sopra, e vi risparmio quelle sull’uso del razzo di MacGyver. Ruolo nella serata: dategli un punto d’appoggio e vi concederà le sue sessualmente definite perle di saggezza…

Logan, l’affettatrice umana. Questa non è l’immagine che avrei voluto per rappresentare il burbero, selvaggio, sempre incazzato vecchio Logan, in arte Wolverine, un uomo che se fosse nato in italia porterebbe come nome da supereroe quello di Ghiottone. Ce lo vedete? “Ehi, arriva ghiottone!”Che carino ghiottone!“Simpatico ghiottone, cos’hai sulle manine sante?” E zac zac zac, via le tibie, via i peroni. Un uomo che ti disossa con la rapidità con la quale s’apre una merendina kinder. Logan, che fuma i sigari in faccia a David Hasselhoff e gli buca il galleggiante, così, giusto per ridere. Vedi mai che vada a picco, il bagnino…Lui, il Ghiottone, sta al tavolo dei maschi fumatori insieme al Colonnello Hannibal e a Chiara, a gustarsi un Montecristo e sorseggiare whisky. Ruolo nella serata: quando è il  momento del taglio della torta, chi chiami?  

E per terminare un altro inseparabile gruppo…gente che se li lasci a casa ti rigano la macchina con il fascio protonico e poi hai voglia ad andare dal carrozziere e spiegargli la faccenda!

Gli Acchiappafantasmi. E non i Ghostbuster. Qui sopra li vediamo ritratti nel momento immediatamente successivo all’apertura del buffet dei dolci. Dietro di loro, non inquadrato quello che resta della ridente cittadina di Sant’Ilario d’Enza, messa a ferro e fuoco. Questi qui li voglio solo perchè sono cresciuto spalmando nutella e slimer sulle fette di pane. Perchè chi di noi non ha mai desiderato una macchina come la loro, la ecto-mobile? E chi non avrebbe voluto uno zaino protonico al pari del caro vecchio flusso canalizzatore? Unico rischio? Che ad un certo punto, prima di cena, ribaltino i tavoli e lancino le trappole infilandoci ignari invitati da loro considerati entità ectoplasmiche. Può succedere sapete? Davvero, mica scherzi. Ruolo nella serata: hai voglia la performance che ci vien fuori se risucchiano una ventina di invitati così, mentre sparacchiano i loro raggi luminosi e fanno saltare in aria quel che capita con Murdock che corre di qua e di là urlando “Gioia e gaudio gioia e gaudio”?

Anche per oggi è tutto popolino infruttuoso. Siate gaudi e felici. E attenti alle trappole protoniche mentre attraversate la strada…ah, e se vi hanno rigato la macchina, non guardate da questa parte…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...